Cerca

Vicariato di Sesto Fiorentino e Calenzano

10 ottobre 2020

Una sola famiglia umana: volontariato per abbattere le barriere

Padule-Quaresima 2020

educatori si incontrano 2020

orario messe invernali

Caritas-incontro

Assemblea diocesana del cammino sinodale, 10 novembre 2019

A quattro anni dall’intervento di Papa Francesco in cattedrale, la Chiesa fiorentina si riunisce intorno al suo Vescovo: “Chiamati ad essere fermento di dialogo, incontro, unità” (Papa Francesco)

No photo description available.

Image may contain: 2 people, indoor

Image may contain: 1 person, crowd, table, indoor and outdoor

Image may contain: 7 people, indoor

Image may contain: 1 person, smiling

No photo description available.

Image may contain: 2 people, people standing, wedding and indoor

Foto di Anna Zucconi

sesto mondo

Incontro con la Comunità Ucraina

“Christos vozkres! Voistynu voskres! – Cristo è risorto! Veramente è risorto!”

Queste parole le abbiamo ascoltate, imparate e ripetute tante volte insieme ai fedeli della comunità Ucraina Cattolica di rito Bizantino nella Chiesa dei Santi Simone e Giuda nel centro di Firenze.

Un piccolo gruppo di otto sestesi, provenienti da due diverse Parrocchie e rallegrato dalla presenza di due giovani ragazze, ha voluto partecipare all’iniziativa promossa dal Vicariato di Sesto Fiorentino e Calenzano nell’ambito del Cammino Sinodale sulla Evangelii Gaudium: trovarsi con altre comunità Cattoliche formate da “stranieri” presenti nella nostra Diocesi.

Invitati dal loro Parroco Don Volodymyr a partecipare alla Celebrazione della loro Pasqua (sette giorni dopo la nostra), ci siamo trovati a pregare con il cuore, comprendendo solo quelle parole: “Christos vozkres” e “Alleluja”. Avvolti dal canto corale dell’Assemblea per più di due ore, ci è stato possibile unire la nostra muta preghiera del cuore alla loro sentita e vivamente partecipata liturgia. Cullati dalle note che trasmettevano sentimenti di nostalgia, dolore, rimpianto, ma insieme tenacia, forza, speranza.

Accolti con calore e premura anche al pranzo tradizionale Ucraino, abbiamo così realizzato un momento di comunione fraterna e amicale. Il nostro cuore si è allargato nell’accogliere e porgere a Dio le loro preghiere per i parenti lontani, in guerra, soli ad affrontare tante difficoltà. Si è aperto un piccolo ponte di comunione che attende di essere approfondito e allargato anche alle tante altre comunità di Cattolici “stranieri” che arricchiscono con la loro presenza e la loro Fede la nostra Chiesa Fiorentina.

Blog su WordPress.com.

Su ↑